Taggato: scuola

1

CONOSCERE IL PROGETTO ARS-FSI

Il progetto del Fronte Sovranista Italiano: uscire dall’Unione europea e applicare la Costituzione del 48. L’ARS Associazione Riconquistare la Sovranità è un’associazione di cittadini italiani ideata nel novembre del 2011 e nata nel marzo del 2012, ormai presente in quasi tutte le regioni italiane, il cui scopo sociale è di organizzare una rete di persone che intendono riconquistare la sovranità politica ed economica, al fine di costituire il primo partito politico sovranista italiano. Sovranismo e...

0

Osservazioni sul documento Renzi-Giannini

di Paolo Di Remigio (ARS Abruzzo) Pur riconoscendo il «rischio che le nuove funzioni legate all’autonomia abbiano distolto l’attenzione dalla relazione con lo studente» (p. 47), il Rapporto firmato da Renzi e Giannini, La buona scuola, lungi dal ricusarla o almeno ripensarla, proclama di volerla «realizzare pienamente» (p. 62). Così corrobora il sospetto che l’autonomia scolastica sia un errore tecnico intenzionale, una delle tante riforme che, ad onta dell’augurio contenuto nel nome, mirano soltanto ad...

2

L'ARS, la sinistra, il centro e la destra

Sulla pagina facebook “Fuori da questa Unione Europea” è stato pubblicato il seguente post: “L’ARS è un movimento assolutamente di sinistra, che si finge bipartisan, e che non ha nulla dell’associazione che possa rivolgersi a tutti i sovranisti italiani. Non prenderà mezzo voto anche per questo motivo. Meglio i Barnard ed i Bagnai, che si sono sempre dichiarati di sinistra, o questa pagina, che si è sempre dichiarata di destra, piuttosto che simili ipocriti furbetti....

0

SCUOLA – Documento programmatico che sarà sottoposto all'Assemblea nazionale dell'ARS

Il Documento è pubblicato anche sul Forum dell’ARS, dove gli iscritti all’ARS potranno proporre emendamenti e svolgere commenti fino al 5 giugno p.v. Invece,  i simpatizzanti e i curiosi dell’ARS, iscritti o che si iscrivano al forum, sempre fino al 5 giugno, potranno pubblicare soltanto commenti: http://forum.riconquistarelasovranita.it/forum/viewtopic.php?f=40&t=325 ANALISI 1. Alla fine del XX secolo la scuola italiana necessitava di un rinnovamento profondo che attingesse contenuti, forme, modalità dalla cultura, dalla politica e dalla scuola stessa. Invece...

0

CONCETTO MARCHESI: PRINCIPII COSTITUZIONALI RIGUARDANTI LA CULTURA E LA SCUOLA

RELAZIONE del deputato MARCHESI CONCETTO sui PRINCIPII COSTITUZIONALI RIGUARDANTI LA CULTURA E LA SCUOLA presentata nella I Sottocommissione dell’Assemblea Costituente  Concetto Marchesi AVVERTENZA Pensavo che in una Carta Costituzionale si potesse bensì affermare il diritto all’istruzione nel titolo che determini le libertà politiche e i diritti del cittadino: ma che il complesso dei temi particolari riguardanti lo sviluppo della cultura nazionale e l’ordinamento della scuola spettasse alla competenza di altra Assemblea e dovesse perciò essere...

0

LA SCUOLA SOTTO ATTACCO

Un articolo di Roberto Renzetti, pubblicato nel 2004 sul Giornale di Storia Contemporanea Anno VII n. 2, Dicembre 2004, denso di informazioni e riflessioni indispensabili non soltanto per chi sia interessato ai temi della scuola pubblica statale, bensì per tutti i sovranisti. Scoprire che tutto era progettato, che anche la trasformazione della scuola pubblica ha seguito direttive provenienti da elites imprenditoriali globaliste, da economisti liberisti e monetaristi e dall’Unione europea, è necessario per capire in...

0

Sulle 24 ore e sulle lotte nella scuola. Chiudere i sindacati. Cancellare i POF

Riceviamo da Alessandro Chiavacci, iscritto all’ARS, e volentieri pubblichiamo. Alessandro Chiavacci* L’ultima idea  dell’esecutivo sulla scuola riguarda, come è noto, la proposta di elevare l’orario dell’insegnamento in classe dalle 18 alle 24 ore settimanali. Sulla demenzialità di questa proposta non c’è bisogno di spendere molte parole, basta interrogarsi sul significato didattico di questo aumento di carichi lavorativi, e contemporaneamente sulla logicità di fare concorsi a cattedre mentre si vorrebbero aumentare drasticamente gli orari di lavoro...